NUOVA CASA, INFORMAZIONI UTILI.

Le imposte sull’acquisto della casa variano a seconda della destinazione dell’immobile e del soggetto venditore. Tali imposte vengono applicate sul valore del bene dichiarato nell’atto di compravendita che non può essere inferiore al “valore catastale” dell’immobile che si ottiene moltiplicando per 100 la rendita catastale.

Se si tratta della prima casa acquistata e il venditore è un privato, l’atto di compravendita è soggetto alle seguenti imposte:
– imposta di registro del 3%
– imposta ipotecaria fissa di 168 euro
– imposta catastale fissa di 168 euro

Se si tratta della seconda casa o altro bene immobile, l’atto di compravendita è soggetto a imposte complessive del 10% :
– imposta di registro del 7% (3% se di interesse artistico, archeologico o storico)
– imposta ipotecaria del 2%
– imposta catastale del 1%

Se la prima casa è acquistata da un’impresa di costruzioni l’atto di compravendita è soggetto a:
– IVA del 4%
– imposta di registro fissa di 168 euro
– imposta ipotecaria fissa di 168 euro
– imposta catastale fissa di 168 euro

Se si tratta della seconda casa o altro immobile:
– IVA del 10% (20% se immobile di lusso, 3% se di interesse artistico, storico o archeologico)
– imposta di registro fissa di 168 euro
– imposta ipotecaria fissa di 168 euro
– imposta catastale fissa di 168 euro

Le imposte di cui sopra vanno applicate sul valore del bene dichiarato nell’atto di compravendita. Tale valore, comunque, non può essere inferiore al “valore catastale” dell’immobile che si ottiene moltiplicando per 105 la rendita catastale allo stesso attribuito.
L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione sul proprio sito www.agenziaentrate.gov.it interessanti e dettagliate informazioni sull’acquisto casa.

Annunci